Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sessuale nei conflitti

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sessuale nei conflitti

Un crimine contro l’umanità
in continuità con le logiche patriarcali contro le donne, ma non solo

“La violenza sessuale in guerra è un crimine contro l’umanità e al tempo stesso uno strumento di offesa e umiliazione specifica del sesso maschile contro quello femminile”.  (Fonte: https://www.micromega.net)

Così la giornalista Monica Lanfranco commenta l’orrore estremo degli stupri perpetrati nell’attuale conflitto Russia-Ucraina, riportando l’agghiacciante scambio telefonico, rimbalzato nei media di tutto il mondo, intercorso nell’aprile scorso tra un soldato russo e la moglie:

 “Vai e violenta le donne ucraine. Ma dopo non raccontarmi nulla, non voglio sapere niente, capito?”.

Nell’audio il soldato chiede alla giovane moglie: “Quindi mi dai il tuo permesso? – risponde lei.”

Mai avremmo pensato che, nella modernissima Europa, a oltre 70 anni dalla Quarta Convenzione di Ginevra, che esplicitamente proibì lo stupro e la prostituzione forzata in tempo di guerra, avremmo assistito in diretta all’incitazione allo stupro di guerra con la complicità delle donne contro le donne.

Foto: https://www.onuitalia.com

Oggi questa brutalità dilagante rappresenta per noi il massimo punto di caduta del percorso degli uomini per affrancarsi dalla violenza. È come se tutte le tappe storiche sul “diritto bellico” fossero annullate; fu addirittura Cicerone, nel primo secolo avanti Cristo, ad esortare i soldati a rispettare le regole di guerra, dal momento che obbedendo a tali regole si separano gli “uomini” dai “bruti”!

 

Foto: https://biografieonline.it

TEMPI TRISTI I NOSTRI, TEMPI TRISTI PER L’UMANITA’
ORMAI NON SOLO A CAUSA DELLE LOGICHE PATRIARCALI…
MA SEMPLICEMENTE PERCHE’ IN BALIA DI UN CAOS CHE ANNICHILISCE.

Urge ritrovare o recuperare la scintilla di umanità che la nostra Fondatrice Santa Maria Eufrasia “assicura” esistere in ognuno di noi attraverso una preghiera che coinvolge anche Dio.

NON ABBIAMO ALTRA VIA
Padre Davide Maria Turoldo

Non abbiamo, uomini, altra
via a salvarci che prendere
coscienza di ciò che siamo,

e confessarlo l’uno all’altro
e gridarlo ai quattro venti
davanti all’universo,

con decisione, e umiltà
confidando nella pietà
di tutte le creature,

e insieme credere che questo
nostro disastroso nulla
impegna lo stesso Iddio